Responsabile

Leo Alati

 

 

Corsivi Attualità Politica Cultura Umorismo Edicola programmi tv Treni Pagine bianche C. A. P. TuttoCittà Codice fiscale

 

I muri di cartongesso

Qui bisogna intendersi altrimenti non ne usciamo: Salvini, Di Maio e compagnia non sono che il prodotto di una serie di processi che si svolgono su scala planetaria. (21/6/2018)

Nostalgia di Bettino

Articolo di Marcello Veneziani

(4/5/2018)

Insieme: il voto utile competitivo

La lista Insieme, che aggrega socialisti, verdi e prodiani, rappresenta un chiaro segnale all’elettorato. Ne sottolineo almeno tre presupposti caratteristici. Insieme si configura come un soggetto che alimenta il pluralismo nel centro-sinistra. (28/2/2018)

Ritratto dei 5 Stelle

"È probabile che Il movimento 5 Stelle vinca le elezioni e non lo farà per via della tanto decantata onestà. Perché, se l'onestà fosse un valore diffuso e condiviso per questo paese, non avremmo il tasso più alto di lavoro nero d'Europa né il più alto numero di evasori fiscali.  (9/2/2018)

Maltrattare la lingua è come dire: non sono Casta

Il presidente della Crusca: “Le elezioni uccidono l’italiano. E il campione è il M5S”

«Il messaggio elettorale è stato ridotto a slogan. Frasi fatte come: “Gli immigrati aiutiamoli a casa loro, per prima cosa aboliremo la legge Fornero, gli italiani innanzitutto, basta con le tasse universitarie” sono solo titoli ad effetto.
L’“Uno vale uno” grillino trova in questa sintassi elementare la sua perfetta realizzazione»
(23/1/2018)

 
 

S. Genuario, in nessuna zona vivono così tante testuggini

Nelle aree umide di Livorno Ferraris (19/2/2018)

Passi lontani

Racconto di Silvano Nuvolone

La strada per la Val Soana è sempre lì, un serpente scuro che attraversa grappoli infiniti di verde e sembra non finire mai, suddito dignitoso di una montagna al confine col Paradiso. (8/2/2018)

 

L'alternanza

Di Maio e Salvini potrebbero accordarsi alternandosi giorno per giorno alla presidenza del consiglio, seguendo il criterio con cui si parcheggia in certe vie: nei giorni pari da un lato e nei dispari dall'altro. Si, lo so: è una freddura che non fa ridere. Ma non fa ridere neanche la farsa che i due interpretano ormai da mesi.

15 maggio 2018

Leo Alati

 

 

 

 

 

Periodo di censimenti

La proposta di Salvini di censire i rom ha suscitato più clamore, quella di Di Maio di effettuare il censimento dei raccomandati, se avesse come conseguenza il loro licenziamento, è però decisamente più destabilizzante: ci troveremmo senza governo e senza parlamento, parecchi professori universitari, magistrati, giornalisti, presidi, primari dovrebbero andarsene a casa. Una società stravolta. Ma nessun pericolo: si verificherebbe il paradosso che chi dovrebbe effettuare il licenziamento dei raccomandati si troverebbe a sua volta licenziato e quindi nella impossibilità di procedere.

20 giugno 2018

Leo Alati

 

Una professione per stranieri

Quando si parla di lavori che gli italiani rifiutano si pensa a quelli faticosi e malpagati. C'è però una professione con posto fisso, ben retribuita, che consente un ottimo status sociale ed eccellenti possibilità di carriera ma che noi non accettiamo di esercitare. Qual è? Semplice: quella del prete. Se non ci fossero gli stranieri i preti in Italia sarebbero in via di estinzione.

19 giugno 2018

Leo Alati

 

Navi da crociera "distratte"

Qualcuno sa spiegare come mai i profughi naufragati sono avvistati da navi ONG, navi mercantili, militari, pescherecci, della Guardia Costiera, anche da rimorchiatori e mai, neanche una volta, da navi da crociera? Eppure sono a decine a solcare ogni giorno il Mediterraneo.

18 giugno 2018

Leo Alati

 

Questione di priorità

In un Stato in cui buona parte del territorio nazionale è controllato dalla criminalità organizzata e in cui la sola ndrangheta con il traffico della droga ha un fatturato da multinazionale, il problema principale per il ministro degli interni e per buona parte dell'opinione pubblica è rappresentato dagli immigrati che porterebbero la delinquenza in Italia.

14 giugno 2018

Leo Alati

 

Le priorità Salvini

In un Stato in cui buona parte del territorio nazionale è controllato dalla criminalità organizzata e in cui la sola ndrangheta con il traffico della droga ha un fatturato da multinazionale, il problema principale per il ministro degli interni e per buona parte dell'opinione pubblica è rappresentato dagli immigrati che porterebbero la delinquenza in Italia.

14 maggio 2018

Leo Alati

 

 

 

 

Alcune foto e vignette presenti in questo sito sono prese da internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se il soggetto o gli autori dovessero avere qualcosa in contrario alla pubblicazione, basta segnalarlo alla redazione, alla mail la_risaia@libero.it Si provvederà alla rimozione delle immagini.

© 2012La Risaia   La voce dei riformisti vercellesi

Webmaster & Design by Francesco Alati